E-book

E-Book

SLS – Lawyers gives value to your rights. With e-books, the most topical and interesting legal issues are in-depth.

COVID-19: La rinegoziazione del contratto in buona fede a seguito di eventi straordinari e imprevedibili

La Suprema Corte di Cassazione si è soffermata sul tema dei contratti andati in default a causa del Covid-19 affermando che questo evento straordinario rende i contratti rinegoziabili.

COVID-19: La rinegoziazione del contratto in buona fede a seguito di eventi straordinari e imprevedibili

La Suprema Corte di Cassazione si è soffermata sul tema dei contratti andati in default a causa del Covid-19 affermando che questo evento straordinario rende i contratti rinegoziabili.

Il project financing

Il project financing viene definito come “il finanziamento di una particolare unità economica, nel quale il finanziatore fa affidamento sui flussi di reddito di quell’unità come fonti di fondi per il rimborso del prestito e sul patrimonio dell’unità come garanzia dello stesso”. Da tale stringata definizione emerge la caratteristica fondamentale delle operazioni di project financing, vale a dire la capacità, o meglio l’attitudine, dell’attività economica finanziata (per esempio, la realizzazione e la gestione di un’infrastruttura) di autofinanziarsi, cioè di produrre flussi di cassa di segno positivo in grado di compensare i flussi di prestito specificamente conseguiti per finanziare l’attività, garantendo al contempo una adeguata remunerazione del capitale investito dai finanziatori.

La responsabilità degli esercenti la professione medica

La Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza n. 17322/2020, ha ribadito come, ove si controverta in tema di omesso consenso informato, spetterà al paziente allegare e provare il rifiuto a sottoporsi all’intervento. Solo in tale eventualità, infatti, potrà fondatamente pretendersi il risarcimento del danno per violazione del diritto all’autodeterminazione.

La responsabilità del datore di lavoro per contagio da COVID-19

La Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, Sent. n. 5002/1990, si è soffermata sulla responsabilità del datore di lavoro ex art. 2087 Cod. civ. in caso di contagio da patogeno avvenuto in occasione della prestazione di lavoro. Secondo i Giudici, sul datore incomberà l’obbligo di adottare tutte le cautele e le misure di tutela dell’integrità psicofisica del lavoratore anche ove il rischio causativo dell’infortunio possa ricondursi a particolari condizioni esterne – presenza di particolari rischi biologici – riconducibili all’ambiente in cui è situato il luogo di lavoro.

Gli strumenti per la tutela del patrimonio (Parte II – Gli atti di destinazione dei beni ex art. 2645-ter c.c., il contratto di affidamento fiduciario, le polizze assicurative e i fondi pensione)

Il presente scritto costituisce la seconda parte del vademecum avente a oggetto, più in generale, la trattazione di quegli istituti inquadrabili nella categoria dei c.d. strumenti di tutela del patrimonio. Nella prima parte, in particolare, si è offerta una agile panoramica circa i principi giuridici che regolano il tema della responsabilità patrimoniale e si è passati alla trattazione del c.d. fondo patrimoniale. In questa seconda parte, invece, ver- ranno esaminati i c.d. atti di destinazione ex art. 2645-ter c.c., il contratto di affidamento fiduciario, le polizze assicurative e i fondi pensione.

Gli strumenti per la tutela del patrimonio (Parte I – Il fondo patrimoniale)

Il presente vademecum – che verrà suddiviso in due distinte parti aventi a oggetto, rispettivamente, la prima il fondo patrimoniale e la seconda il vincolo di destinazione ex art. 2645-ter c.c., il contratto di affidamento fiduciario, le polizze assicurative e i fondi pensione – ha per scopo quello di offrire un pratico strumento di orientamento nell’ambito dei c.d. strumenti per la tutela del patrimonio.

I riflessi della legislazione emergenziale “COVID-19” sull’accesso alla giustizia e sul diritto dei contratti

Le misure adottate dal Legislatore dell’emergenza per fronteggiare l’attuale situazione pandemica incidono concretamente sull’operatività delle persone fisiche, delle imprese e delle realtà produttive nazionali tanto in relazione all’accesso alla tutela giurisdizionale, quanto, e per ciò che concerne la materia dei rapporti obbligatori, sulla possibilità di dare corso all’adempimento dei contratti stipulati in un momento precedente all’inizio dell’emergenza e all’adozione delle misure di contrasto del rischio epidemico.Questo breve contributo nasce al fine precipuo di illustrare alle persone fisiche, ma agli imprenditori e agli operatori sociali in primis, la natura e la portata dei provvedimenti sostanziali e processuali adottati in materia di tutela giurisdizionale dei diritti soggettivi e di diritto dei contratti e, al contempo, di fungere da prima bussola pratica di orientamento circa i diritti e i doveri derivanti dalle predette recentissime disposizioni legislative e, inoltre, di consiglio in merito ai comportamenti conseguenti da realizzare per non incorrere in situazioni di inadempimento e comunque censurabili sotto il profilo del diritto dei contratti.Infine, nella parte speciale, sono esaminati i riflessi della legislazione emergenziale su alcune figure di contratti di uso diffuso e cioè il contratto di compravendita (mobiliare e immobiliare), di locazione di immobile a uso commerciale, di leasing e mutuo.